04.1 FINITURE

Caiframe utilizza uno speciale tipo di finitura interamente all’acqua, a poro aperto, con tecnologia a nano molecole applicata ad antropomorfo di ultima generazione.
Questa esclusiva tecnologia lascia respirare completamente la venatura del legno e si adatta ai suoi variegati movimenti. Si riesce così ad esaltare la bellezza del legno, evidenziando la venatura stessa, che rimane pertanto particolarmente visibile e viva. Una superficie non perfettamente liscia non è pertanto da considerarsi un difetto, ma anzi è la caratteristica principale di un prodotto naturale che si distingue dai più comuni serramenti, magari più lisci ma anche molto più “plastificati” e quindi meno vivi.

04.2 COLORI

I colori presenti in mazzetta o fotografici sono del tutto indicativi e possono subire sensibili variazioni in quanto il legno è un materiale vivo e in continua trasformazione. Il risultato del colore finale dipende dalle diverse partite di materiale e dalle diverse stagioni in cui si effettua il ciclo produttivo. Le variazioni di colore sono pertanto inevitabili, tanto più utilizzando, come previsto dal ciclo di garanzia sulla verniciatura di Caiframe, vernici interamente all’acqua. Per questo sconsigliamo vivamente di effettuare forniture a lotti, con tempi di consegna diversi, in quanto non è possibile garantire colori uguali; ogni partita di verniciatura ha un punto di colore diverso. Inoltre nel tempo, a contatto con gli agenti atmosferici, il colore del legno subisce sensibili variazioni che sarebbe impossibile riprodurre all’interno del ciclo produttivo ottenendo un risultato identico a quello naturale. Particolare attenzione lo merita il moganoide lamellare che ha due caratteristiche peculiari che lo distinguono dagli altri legni rendendolo unico:

colori3-1024x1024_new
  • Non uniformità di colore: in quanto in natura le varie parti del tronco presentano delle sfumature evidenti che vanno dal rosso più chiaro a quello più scuro. Utilizzando vernici di altissima qualità interamente all’acqua, tali caratteristiche vengono esaltate in linea con la filosofia di Caiframe di evidenziare le disomogeneità di un materiale naturale e nobile come il legno. Pertanto il serramento in Moganoide Caiframe presenta delle diversità di colore tra le singole componenti del serramento, acquistando il fascino unico dei prodotti in legno,
  • Venatura particolarmente fitta e rigata: il ciclo di verniciatura che permette di avere una garanzia affidabile ha come caratteristica principale quella di adattarsi perfettamente alla vena del legno e di farla respirare, pertanto al tatto il serramento in Moganoide potrebbe non risultare perfettamente liscio

04.3 VETRI

Per la verifica della conformità di possibili difetti dei vetri, si fa espressamente ed integralmente riferimento al  DISCIPLINARE DI QUALITA’ OTTICA E VISIVA sottoscritto tra ASSOVETRO E FEDERLEGNO-ARREDO. Per quanto riguarda le possibili rotture dei vetri, le stesse vanno contestate all’atto dello scarico a mezzo annotazione in bolla, diversamente il vetro non è coperto da garanzia per eventuali rotture.

Di seguito alcune rotture esemplificative che, contestate successivamente alla consegna, non sono passabili in garanzia.

Alcune delle rotture delle foto sopra riportate, all’atto del sopralluogo sono risultate causate da SHOCK TERMICO. Il fenomeno di shock termico non è coperto da garanzia (vedi GARANZIA VETRO) in quanto citando testualmente le parole di un esperto “… siccome tale fenomeno deriva dalle caratteristiche proprie del materiale vetro, la sua comparsa non è coperta da garanzia per difetti (una caratteristica propria di un materiale, per quanto spiacevole, non rappresenta un difetto sanzionabile ai sensi del Codice) in quanto qualsiasi vetro posto nelle stesse condizioni avrebbe potuto dare luogo allo stesso tipo di rottura…”

I fenomeni ai quali fanno riferimento questi link riguardano delle possibili cause di shock termico, ma il discorso ovviamente si estende a tutte le possibili cause di shock termico del vetro. A tale proposito facciamo riferimento al VADEMECUM DI ASSOVETRO ed in particolare al Capitolo 5 Indicazioni per l’utilizzatore, il cui contenuto siamo a richiamare integralmente. In sostanza il possibile fenomeno di shock termico del vetro non costituisce un difetto del vetro stesso, in quanto insito nel materiale vetro e pertanto escluso dalle garanzie.

04.4 LACCATI

Caiframe utilizza, per garantire la verniciatura, speciali vernici interamente all’acqua molto elastiche e che lasciano respirare il legno, adattandosi perfettamente alla superficie verniciata. Per questo la venatura del legno utilizzato è visibile anche nel ciclo di laccatura e conferisce al prodotto il fascino di un infisso in legno. Caiframe avverte pertanto che a seconda del materiale utilizzato si avranno i seguenti effetti estetici:

  • Moganoide lamellare laccato a poro aperto: visibilità della vena rigata tipica dei mogani e superficie non perfettamente liscia al tatto.
  • Pino lamellare: visibilità della venatura tipica dei legni a foglia larga. In caso di utilizzo del lamellare Finger Joint è possibile che le giunzioni siano leggermente visibili soprattutto in controluce.

LACCATURA DELLE FINESTRE

Il processo di laccatura è tra i più delicati all’interno del ciclo produttivo delle finestre e ha la seguente caratteristica:
Visibilità della vena del legno: questa può risultare fitta e rigata se utilizziamo il Moganoide, più ampia e distesa sul Pino.
La differenza estetica rispetto ad altri prodotti laccati quali mobili e porte deriva:

  • Dalla differente materia prima utilizzata: le porte e i mobili in genere vengono laccati su mdf, su impiallacciature o altri legni con una venatura molto liscia, ma non adatti questi a prodotti per esterno che ricevono le sollecitazioni degli agenti atmosferici e degli shock termici;
  • Dalle differenti caratteristiche delle vernici utilizzate: per ottenere una superficie liscia si utilizzano nel mobile e nelle porte vernici a solvente. Tali vernici hanno la caratteristica di chiudere completamente il poro del legno non lasciandolo respirare. In questo modo si ottiene una superficie liscia ma non adatta all’esposizione agli agenti atmosferici. Per ottenere all’esterno le giuste garanzie di tenuta delle vernici, vanno infatti utilizzati prodotti interamente all’acqua che lasciano respirare il legno e per questo mostrano tutta la bellezza della vena in controluce.

Punto debole della laccatura finestre in generale:

  • Possibili lesioni nelle giunzioni tra montanti e traversi: i legni utilizzati per la produzione di mobili e porte (mdf, faggio evaporato, impiallacciature ecc..) sono dei legni molto stabili da un lato, ma non adatti al contatto con gli agenti atmosferici e soprattutto non in grado di sopportare gli shock termici ai quali la finestra è sottoposta. I legni lamellari come quelli utilizzati nel ciclo produttivo da Caiframe, seppur stagionati e di ottima qualità, al contatto con gli agenti atmosferici nel primo periodo di vita subiscono dei normali movimenti di assestamento inevitabili. Tutto questo si amplifica considerando le sollecitazioni che le finestre ricevono durante il trasporto. Questi fenomeni di movimento possono provocare delle microlesioni della vernice nelle giunzioni tra i montanti e i traversi e nelle giunzioni delle traversine e delle varie componenti della finestra (vedi foto sotto).

Per ovviare a questo problema Caiframe ha adottato i seguenti provvedimenti:

  1. Utilizzo dello speciale sistema di giunzione delle componenti HFS (high fix system, vedere sessione Engineering.)
  2. Inserimento nel ciclo produttivo della speciale fase di sigillatura delle giunzioni con materiale elastico e verniciabile.
  3. Inserimento nella scatola accessori di Tinta per Ritocchi e Sigillante.

Teniamo a precisare che questa problematica è ben nota ed è sufficiente, durante la fase finale delle posa in opera, effettuare gli adeguati ritocchi che di seguito illustriamo nell’apposita sessione NON PREOCCUPARTI SE…

04.5 ZANZARIERE

Il telo delle zanzariere deve rimanere aperto ad ante chiuse. I raggi ultravioletti e gli agenti atmosferici ne riducono sensibilmente la durata. Inoltre gli spazzolini di chiusura sono particolarmente fitti per garantire una perfetta ostruzione agli insetti, quindi tenendo il telo abbassato in caso di pioggia si provocherebbe esternamente un “effetto diga” con inevitabili infiltrazioni d’acqua all’interno del serramento.

04.6 NORME DI UTILIZZO

Durante le prime 3-4 settimane successive all’installazione, i serramenti devono rimanere chiusi per permettere il corretto assestamento del legno. Vanno pertanto aperti esclusivamente per areare i locali; areazione anche questa molto importante e da effettuarsi quotidianamente in quanto un eccesso di umidità dei locali potrebbe comportare danno alle parti meccaniche del serramento.

04.7 MOVIMENTI DEL LEGNO

Gli inevitabili movimenti del legno sono del tutto naturali e possono dar origine a leggeri imbarcamenti delle componenti dei serramenti (es. montanti, doghe, stecche persiane ecc.). Entro una certa tolleranza tali fenomeni non sono contestabili purchè non inficino sensibilmente il funzionamento del prodotto. Le componenti dei serramenti dispongono di accessori di regolazione che permettono di ovviare ai movimenti stessi senza pregiudicarne la qualità del prodotto stesso. Inoltre, essendo il legno un materiale eternamente vivo, nel tempo i fenomeni di movimento tendono a tornare alla situazione originaria e pertanto invitiamo a considerare tali fenomeni come una caratteristica propria di un materiale affascinante e vivo come il legno.

04.8 STOCCAGGIO

All’atto della consegna in cantiere e per tutto il tempo che precede l’istallazione, i manufatti devono essere conservati in ambienti protetti e asciutti, al riparo da eventi metereologici, lontani da fonti di calore e dall’irraggiamento solare diretto, ad una temperatura di circa 15°- 20° C e con umidità percentuale attorno al 50%-70%. I manufatti non devono essere accatastati l’uno sull’altro, né vanno gravati di peso alcuno, al fine di evitare deformazioni o il prodursi di impronte dovute all’imballaggio, o ammaccature o fenomeni di blocking della vernice. Alcuni tipi di imballo (es. polietilene) possono essere pericolosi per i bambini; prestare la massima attenzione.

04.9 SMALTIMENTO MATERIALE DA IMBALLO

Tutto il materiale da imballo va accuratamente differenziato e conferito nei centri predisposti per LA RACCOLTA DIFFERENZIATA.